Una giornata a codice aperto

aprile 1, 2009 alle 8:51 pm | Pubblicato su Il nuovo mondo, Tecnologia | Lascia un commento

Sull’ultimo numero di Chips&Salsa-Il Manifesto:

Se l’utopia resta fuori dal bazaar e dalla cattedrale
Dopo il matrimonio tra open-source e colossi commerciali, è caduto il muro di Berlino che divideva i programmatori free-software dal mondo dei sistemi proprietari. La figura dell’hacker in barba e sandali, un po’ santone un po’ anti-capitalista, è stata rimpiazzata dal programmatore in giacca e cravatta che lavora per le grandi multinazionali convertite al paradigma open. Ma cosa è rimasto della spinta etica di Stallman&Co.?

Una giornata a codice aperto
Piccola guida di sopravvivenza open-source. Fino a qualche anno fa sarebbe stato impossibile trascorrere 24 ore senza utilizzare tecnologie proprietarie. Oggi, con un po’ di attenzione, si può fare anche senza essere smanettoni…

Lascia un commento »

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.
Entries e commenti feeds.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: